l Lecsò ungherese

Tra i piatti ungheresi ho scelto il Lecsó che è costituito da peperoni, pomodori e cipolle stufate con l’aggiunta della paprika. Alla ricetta base, molto simile alla nostra peperonata, in Italia

l Lecsò (anche lecto,, lecho o leczo) è un piatto unico di origini ungheresi, ma diffuso anche in Slovacchia, Ucraina, Germania, Repubblica Ceca, Austria e Israele.
Il “lecsò è composto da peperoni verdi oppure rossi, pomodori, paprica dolce in polvere e cipolle. Il tutto viene cotto nello strutto, con l’aggiunta di pancetta nella versione tradizionale.

In Ungheria viene servito come condimento per accompagnare altri piatti, come cotolette, carne, patate e riso …

La ricetta che segue è praticamente la preparazione originale;

Ingredienti:
4 peperoni a campana o 6 peperoni tipo corno di bue o 6 peperoni ungheresi
2 pomodori ramati medi
2 cipolle dorate medie
1 cucchiaino di strutto o olio di girasole
1 cucchiaino di paprika (meglio quella ungherese)
sale

Preparazione – Lecsò
1. Pulite e sbucciate le cipolle. Tagliatele a metà e poi a spicchi.
– Versate abbondante olio (io uso il strutto) in una padella, aggiungete la cipolla e soffriggete sul fuoco medio.
– Aggiungete pochissima acqua per ammorbidire la cipolla.
– Continuate a rosolarla a fuoco medio.

1

2. Lavate ed asciugate i peperoni.
– Tagliateli a metà ed eliminate i semi, la parte bianca interna, quindi tagliateli e sbollentateli.
– Usate una pentola oppure una casseruola capiente per dare lo spazio alla verdura. -Versate un po’ di olio, ( o strutto) riscaldatelo e aggiungete i peperoni, quindi rosolate per qualche istante ed unite la cipolla soffritta.
– Rimescolate. (delicatamente)

2
4. Aggiustate di sale.
– Sbollentate i pomodori e togliete la buccia.
– Tagliate via il torsolo e tagliateli a cubetti grandi, quindi aggiungeteli al resto.
– Tagliate i wurstel a fettine, aggiungeteli al letcho e saltate tutto a fuoco alto per due minuti. Coprite con il coperchio e abbassate il fuoco.
– Cuocete a fuoco basso per circa trenta minuti, facendo attenzione che non bruci.
– Servite il letcho caldo oppure freddo, a seconda dei vostri gusti e della stagione.

Trucchi e consigli
– I lecsò è pronto quando i peperoni sono completamente morbidi, ma non hanno perso la loro forma

Lecso2

– Evitate di aggiungere troppa acqua per non diluire il sapore. Le quantità necessarie vanno a cucchiaini.

– Potete spalmare il lecsò raffreddato su delle fette di pane abbrustolito. Un’ottima idea per un aperitivo originale.

Curiosità: In Ungheria è un piatto molto popolare, si fanno anche diverse manifestazioni Lecsófesztivál. Si dice che i migliori lecsó sono cotti all’aperto sul fuoco a legna nel “bogrács”  un calderone dalla forma rotonda realizzato in ghisa o acciaio inox, alcuni con rivestimento smaltato, originariamente utilizzato dai pastori per la preparazione del gulyás (goulash).

E se vi interessa la Ricetta di Gulash ecco il link 

images

LINK La storia “Paprika” ungherese …

Una felice fine settimana chi passa di qua, Elisa

 

 

 

Annunci

5 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...